Passa ai contenuti principali

CHI SIAMO




L’avv. Giovanni Liotti, nato a Trapani il 30.04.1967, è iscritto nell’Albo degli Avvocati del Foro di Trapani fin dal 1994, ed esercita la professione di avvocato principalmente nel Distretto della Corte di Appello di Palermo, oltre che davanti a tutti i Tribunali nazionali e, dal 2007 davanti alla Corte di Cassazione.
Svolge attività di consulenza ed ogni attività connessa alla   professione legale, compresa naturalmente la predisposizione degli atti giudiziali e la difesa nei giudizi civili e penali; presta la propria opera professionale ed assistenziale anche in arbitrati (sia quale arbitro che quale rappresentante delle parti private) e ADR; svolge attività di consulenza societaria e contrattualistica.
Inoltre, stante la pluriennale esperienza ordinistica, prima     quale componente del C.O.A. di Trapani e, poi, quale consigliere segretario del Consiglio distrettuale di disciplina di Palermo, presta assistenza agli avvocati nei giudizi disciplinari davanti ai consigli distrettuali, al Consiglio Nazionale Forense e davanti alla Corte di Cassazione.







L’avv. Sabina Bonfiglio, nata ad Erice – Trapani – il19.08.1973, ha iniziato la pratica forense presso lo Studio    Liotti nel 1998, si è iscritta nell’Albo degli Avvocati del Foro di Trapani dall’anno 2001 ed esercita la professione forense     presso tutti i Tribunali italiani, sia per le materie penali che per quelle civili.
Relativamente alle materie civili, si occupa principalmente di diritto di famiglia (separazioni, divorzi, filiazione naturale), di recupero crediti e relativi procedimenti esecutivi mobiliari e immobiliari, obbligazioni contrattuali e non, sfratti, divisioni giudiziali, infortunistica stradale.
Presta la propria attività anche in ambito stragiudiziale (negoziazioni assistite, mediazioni), nonché, in favore di imprese per la gestione dei crediti e/o debiti, per i rapporti controversi con i clienti, con i fornitori, con le banche e svolge consulenza contrattualistica.
Svolge anche attività di collaborazione continuativa o discontinua con vari studi legali italiani sia per le sostituzioni processuali, che per l’attività di domiciliazione.















Commenti

Post popolari in questo blog

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DEL 14 luglio 2020

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 14 luglio 2020 Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19. (20A03814) (GU n.176 del 14-7-2020) ALLEGATO 1 ALLEGATO 2

Il diritto al dissenso nelle controversie condominiali

Il diritto al dissenso nelle controversie condominiali L'articolo 1132 del codice civile stabilisce un principio importante riguardante le controversie condominiali: se l'assemblea dei condomini decide di intraprendere una causa legale o di resistere a una richiesta legale, il condomino che non è d'accordo può separare la sua responsabilità riguardo alle conseguenze della causa nel caso in cui il condominio perda. Ma cosa significa esattamente il dissenso alle liti? È la possibilità per un condomino di dissociarsi da una causa legale in cui il condominio è coinvolto, nel caso in cui non sia d'accordo con la decisione di intraprendere tale azione legale. E come può separare la sua responsabilità da quella del condominio? La legge stabilisce modi e tempi specifici per farlo. Il condomino che dissentisse dovrebbe, entro 30 giorni dall'assemblea se ha partecipato, o dal ricevimento del verbale, inviare all'amministratore una comunicazione scritta informandolo della

Depositi telematici in Cassazione: valore legale dal 31 marzo 2021

Per effetto del decreto 27 gennaio 2021 del Ministero della Giustizia (pubblicato in G.U. n. 22 del 28 gennaio 2021) e ai sensi dell’art. 221, c. 5, d.l. n. 34/2020, a decorrere dal 31 marzo 2021, avranno  valore legale  i  depositi telematici degli atti processuali civili e dei documenti da parte dei difensori delle parti presso la Corte Suprema di Cassazione . Il  deposito   telematico rappresenta soltanto una facoltà per il professionista. L’art. 221, c. 5, d.l. n. 34/2020 (conv. in l. n. 77/2020) ha statuito che “Nei procedimenti civili innanzi alla Corte di cassazione, il deposito degli atti e dei documenti da parte degli avvocati  può avvenire in modalità telematica  nel rispetto della normativa, anche regolamentare, concernente la sottoscrizione, la trasmissione e la ricezione dei documenti informatici (…)”.   Il  pagamento del contributo unificato e dell'anticipazione forfettaria , connessi al deposito telematico degli atti di costituzione in giudizio presso la Cassazione,