Passa ai contenuti principali

PRELIEVI FRAUDOLENTI DI ENERGIA ELETTRICA - BOLLETTE ENERGIA ELETTRICA ESOSE A SEGUITO DI RECUPERO CONSUMI PRESUNTIVI


PRELIEVI FRAUDOLENTI DI ENERGIA ELETTRICA

È onere della compagnia che eroga il servizio provare l'ammontare del risarcimento ed i criteri di valutazione del danno.

Non basta l'emissione della fattura per consumi presuntivi a fornire la prova del danno.

Il Tribunale di Trapani, in un giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo (emesso su richiesta della società che eroga il servizio di fornitura di energia elettrica) ha recentemente stabilito che in tema di alterazione dell’apparecchio-contatore imputabile a condotta illecita dolosa dell’utente, integrante il reato di truffa, la prova dell’ammontare del danno deve essere data dalla società fornitrice anche in base ad elementi presuntivi, quali calcoli statistici sulla entità dei consumi storici o anche specificando i criteri metodologici che vengono seguiti nel settore per stimare consumi presunti, legati alla qualità, dimensioni, tipo di attività, volume di fatturato ecc. dell’utente. 

Ne consegue che le lacune assertive e probatorie riguardanti tale aspetto ricadono in danno della parte che agisce per il soddisfacimento del proprio credito risarcitorio, commisurato al valore dell’energia consumata e al mancato utile, tanto più quando, come nel caso in esame, non sussistono parametri di riferimento obiettivi come i consumi storici o altri elementi di confronto desumibili dall’andamento pregresso del rapporto negoziale.

Mancando dunque una chiara ed esaustiva illustrazione e spiegazione dei criteri di quantificazione del pregiudizio economico subito, suscettibili di verifica e di valutazione anche sul piano della loro plausibilità e del relativo corretto impiego, deve ritenersi che il creditore non abbia compiutamente assolto al proprio onere di allegare gli elementi costitutivi del diritto azionato. 

Se necessiti di assistenza in materia contatta lo studio.


Commenti

Post popolari in questo blog

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DEL 14 luglio 2020

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 14 luglio 2020 Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19. (20A03814) (GU n.176 del 14-7-2020) ALLEGATO 1 ALLEGATO 2

Il diritto al dissenso nelle controversie condominiali

Il diritto al dissenso nelle controversie condominiali L'articolo 1132 del codice civile stabilisce un principio importante riguardante le controversie condominiali: se l'assemblea dei condomini decide di intraprendere una causa legale o di resistere a una richiesta legale, il condomino che non è d'accordo può separare la sua responsabilità riguardo alle conseguenze della causa nel caso in cui il condominio perda. Ma cosa significa esattamente il dissenso alle liti? È la possibilità per un condomino di dissociarsi da una causa legale in cui il condominio è coinvolto, nel caso in cui non sia d'accordo con la decisione di intraprendere tale azione legale. E come può separare la sua responsabilità da quella del condominio? La legge stabilisce modi e tempi specifici per farlo. Il condomino che dissentisse dovrebbe, entro 30 giorni dall'assemblea se ha partecipato, o dal ricevimento del verbale, inviare all'amministratore una comunicazione scritta informandolo della

Proteggere la Privacy Online: L'Importanza del GDPR e della Cookie Policy per i Siti Web

Nel mondo digitale sempre più interconnesso in cui viviamo, la protezione della privacy online è diventata una priorità essenziale. Con la crescente quantità di dati personali raccolti e elaborati dai siti web, è fondamentale garantire che gli utenti abbiano il controllo sulla propria informazione. In questo contesto, il Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (GDPR) e le Cookie Policy giocano un ruolo cruciale nel promuovere la trasparenza e la sicurezza. GDPR: Un Faro per la Privacy Digitale Il GDPR, entrato in vigore nel 2018, è un regolamento dell'Unione Europea progettato per proteggere la privacy e i diritti degli individui in relazione al trattamento dei loro dati personali. Questo regolamento si applica a tutte le organizzazioni che trattano dati personali di cittadini dell'Unione Europea, indipendentemente dalla sede dell'organizzazione stessa. Uno degli aspetti chiave del GDPR è il consenso informato. Le organizzazioni devono informare chiaramente gli utent