Passa ai contenuti principali

SERVIZIO DI CONSULENZA LEGALE IN VIDEOCONFERENZA - ACCEDI DA OVUNQUE

 








Grazie alle moderne tecnologie, ora puoi ricevere consulenze legali non solo presso il nostro studio a Trapani, ma comodamente da remoto tramite videoconferenze su piattaforme come Zoom, Google Meet o Skype. La distanza non è più un ostacolo.

COME FUNZIONA:

  1. Invia una richiesta di consulenza via mail a avvocatogiovanniliotti@gmail.com, includendo una sintesi della tua problematica e l'oggetto della consulenza, allegando documenti di supporto se necessario.
  2. Riceverai prontamente una risposta via mail con chiarimenti sull'oggetto della consulenza, il costo previsto e la tempistica entro la quale la consulenza sarà effettuata.
  3. Dopo l'accettazione del preventivo, concorderemo data e orario della consulenza e ti invieremo una fattura proforma con i dettagli per il bonifico bancario.
  4. Una volta ricevuto il pagamento, emetteremo una fattura definitiva e la consulenza avverrà nella data e ora concordate.

Questa procedura è veloce e semplice, con consulenze generalmente programmate entro 2-3 giorni dalla richiesta.

COSA INCLUDE IL NOSTRO SERVIZIO:

- Analisi approfondita della tua situazione, basata su quesiti o problematiche da te esposte.
- Revisione completa della tua situazione, considerando sia la tua e-mail iniziale che il successivo colloquio via videoconferenza, insieme a tutta la documentazione rilevante fornita da te.
- Parere legale specializzato, indicando gli strumenti giuridici per risolvere la problematica, consigli operativi basati sulla nostra esperienza professionale e suggerimenti per raggiungere i tuoi obiettivi.

QUANTO COSTA:

Il costo varia in base all'oggetto, alla durata e all'urgenza della consulenza, con tariffe che vanno da Euro 200,00 a Euro 600,00, oltre agli accessori di legge (IVA 22%, CPA 4%), al netto di eventuali ritenute d'acconto. Il costo, sempre comunicato via mail prima della consulenza, deve essere corrisposto prima dell'effettuazione della stessa.

PERCHÉ SCEGLIERCI:

  • - Consulenze specializzate e personalizzate.
  • - Risposte tempestive e consulenze effettuate nel minor tempo possibile.
  • - Massima riservatezza e rispetto del segreto professionale.
  • - Costi ragionevoli e chiari comunicati prima della consulenza.

Non lasciare che la distanza ostacoli la tua accessibilità alla consulenza legale di qualità. Contattaci oggi per ottenere il supporto di cui hai bisogno, ovunque tu sia.

Commenti

Post popolari in questo blog

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DEL 14 luglio 2020

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 14 luglio 2020 Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19. (20A03814) (GU n.176 del 14-7-2020) ALLEGATO 1 ALLEGATO 2

Il diritto al dissenso nelle controversie condominiali

Il diritto al dissenso nelle controversie condominiali L'articolo 1132 del codice civile stabilisce un principio importante riguardante le controversie condominiali: se l'assemblea dei condomini decide di intraprendere una causa legale o di resistere a una richiesta legale, il condomino che non è d'accordo può separare la sua responsabilità riguardo alle conseguenze della causa nel caso in cui il condominio perda. Ma cosa significa esattamente il dissenso alle liti? È la possibilità per un condomino di dissociarsi da una causa legale in cui il condominio è coinvolto, nel caso in cui non sia d'accordo con la decisione di intraprendere tale azione legale. E come può separare la sua responsabilità da quella del condominio? La legge stabilisce modi e tempi specifici per farlo. Il condomino che dissentisse dovrebbe, entro 30 giorni dall'assemblea se ha partecipato, o dal ricevimento del verbale, inviare all'amministratore una comunicazione scritta informandolo della

Depositi telematici in Cassazione: valore legale dal 31 marzo 2021

Per effetto del decreto 27 gennaio 2021 del Ministero della Giustizia (pubblicato in G.U. n. 22 del 28 gennaio 2021) e ai sensi dell’art. 221, c. 5, d.l. n. 34/2020, a decorrere dal 31 marzo 2021, avranno  valore legale  i  depositi telematici degli atti processuali civili e dei documenti da parte dei difensori delle parti presso la Corte Suprema di Cassazione . Il  deposito   telematico rappresenta soltanto una facoltà per il professionista. L’art. 221, c. 5, d.l. n. 34/2020 (conv. in l. n. 77/2020) ha statuito che “Nei procedimenti civili innanzi alla Corte di cassazione, il deposito degli atti e dei documenti da parte degli avvocati  può avvenire in modalità telematica  nel rispetto della normativa, anche regolamentare, concernente la sottoscrizione, la trasmissione e la ricezione dei documenti informatici (…)”.   Il  pagamento del contributo unificato e dell'anticipazione forfettaria , connessi al deposito telematico degli atti di costituzione in giudizio presso la Cassazione,